Light Style© by Fisana

Vai al contenuto

  •  

Foto
- - - - -

Prototipi locomotive FS


  • Per cortesia connettiti per rispondere
29 risposte a questa discussione

#1 Mixer66

Mixer66

    Senior Member

  • Registrato
  • 101 messaggi

Inviato 19 novembre 2018 - 04:57

Ciao,

la discussione l'ho creata allo scopo di conoscenza dei prototipi delle FS, quindi se volete potete continuare la discussione mettendo altri prototipi che vi piacciono.

Ultimamente sto leggendo e conoscendo nel detteglio la storia dei prototipi costruiti dalle FS,

certamente molti sono bizzarri altri anche molto belli e particolari, e alcuni hanno anche delle belle livree.

Oltre la mia passione per i treni, è prensente anche quella per le cose vecchie, però non troppo vecchie,

più o meno si aggirano tra gli anni sessanta fino agli inizi del 2000.

 

Vedendo in giro immagini o anche video ne esiste uno che mi affascina in particolar modo (che poi sono anche due),

ed è la locomotiva E.454.

 

 

Di seguito vi mettto un po della sua storia e anche qualche foto ;) :

 

La serie E.454 fu una piccola serie di locomotive monocabina costruite negli anni ottanta;

e furono anche costruite 2 unità E.453 per carichi merci.

 

Furono progettate nel 1984 e entrate in esercizio tra il 1989 e 1998 e costruite tra il 1985 e 1989,

inoltre furono state costruite dalla Breda, Ansaldo, Fiat ferroviaria e ABB Tecnomasio.

 

Le loro velocità massime omologate sono rispettivamente: 160 km/h per E.454 e 120km/h per E.453

.

Le E.454 sono le progenitrici delle E.464 e a quei tempi furono progettate per rinnovare il parco rotabili delle FS. Il disegno della locomotiva fu fatto da Pininfarina che propose una linea molto caratterizzante, ovvero spigolosa e filante.

La E.454.001 lasciava lo stabilimento Sofer di Napoli per essere assegnata provvisoriamente al deposito locomotive di Napoli smistamento per prove e collaudi in linea sotto tensione, successivamente furono assegnate al deposito locomotive di Pistoia.

Dal 1º febbraio 1990 la locomotiva E.454.001 e qualche tempo dopo anche la 454.002 vennero immesse gradatamente alla testa di treni a composizione omogenea di carrozze MDVC o MDVE.

Le E.454 furono in esercizio sull'itinerario Pistoia, Lucca, Pisa, Firenze, Pistoia e effettuavano treni diretti o interregionali e la E.454.001 il 24 e il 25 febbraio 1999 fu utilizzata, a Firenze, per una serie di prove dinamiche e funzionali del pantografo tipo ATR 90.

La lentezza con cui fu portato avanti il progetto, anche a causa dei mutati orientamenti politici ed economici, lo rese obsoleto in quanto furono presto sviluppate nuove tecnologie che portarono allo sviluppo delle E.412 e delle E.464, entrambe ad azionamento trifase ad inverter.

Lo smantellamento del gruppo E.453 si concluse nel 2004 presso lo stabilimento Fervet.

Fortunatamente si salvò solo la E.454.001 accantonata a Empoli e tale prototipo si trova presso le officine dell'ex Deposito Locomotive di La Spezia Migliarina, sede dell'Associazione Treni Storici Liguria, la quale ne ha curato il restauro estetico esterno.

 

Inoltre è stata creata una versione per il modellismo fatta da Rivarossi

5627340-orig.jpg
8532670070-5e52e202f1-b.jpg
26041995845-daf00d410e.jpg
E454-001c-W.jpg
e454-001raffaelebonaca.jpg

Detto questo se avete altro da aggiungere potete farlo.

Per voi qual'è il prototipo che vi piace di più?


  • UP844, Fulvio53, gigimori e un altro piace questo

Mixer66 - Giulio


#2 UP844

UP844

    Missing in Action

  • Administrators
  • 25719 messaggi
  • LocationSulla cattiva strada

Inviato 19 novembre 2018 - 05:25

Le E.453/454 piacciono moltissimo anche a me: non a caso, abbiamo riprodotto l'intero Gruppo, facendo una ricerca fotografica esasperata sulle (minime) differenze di livrea tra le varie locomotive ;).

 

Due note extra: i carrelli erano gli stessi usati sulle sfortunate E.491/492, ed il telecomando non usava la classica condotta a 18 poli, cosa che richiese la modifica di tre carrozze pilota MD.


  • A Mixer66 piace questo

And gentlemen in England now a-bed
Shall think themselves accursed they were not here
 
UP844 - KUID: 69593 - Author ID: Pendolino - Join Date: Aug 1, 2002
TS2010 build 49933:   morte_benedico

 TS12 build 61388 Collectors' Edition #405  :uè2:

 T:ANE: no, grazie! (ecco perché)  :impiccato:

TRS19: appena uscirà ufficialmente :mrgreen:


#3 pasushi

pasushi

    Senior Member

  • Gold Member
  • 203 messaggi

Inviato 20 novembre 2018 - 02:15

Nei regionali si usa la condotta a 78 poli non a 18.

Negli intercity se non sbaglio si usa la condotta UIC a 13 poli.

 

Le E.453/454 piacciono moltissimo anche a me: non a caso, abbiamo riprodotto l'intero Gruppo, facendo una ricerca fotografica esasperata sulle (minime) differenze di livrea tra le varie locomotive ;).

 

Due note extra: i carrelli erano gli stessi usati sulle sfortunate E.491/492, ed il telecomando non usava la classica condotta a 18 poli, cosa che richiese la modifica di tre carrozze pilota MD.


Claudio :)


#4 UP844

UP844

    Missing in Action

  • Administrators
  • 25719 messaggi
  • LocationSulla cattiva strada

Inviato 20 novembre 2018 - 02:19

:azz: la mia fama di contachiodi è rovinata... ;)


And gentlemen in England now a-bed
Shall think themselves accursed they were not here
 
UP844 - KUID: 69593 - Author ID: Pendolino - Join Date: Aug 1, 2002
TS2010 build 49933:   morte_benedico

 TS12 build 61388 Collectors' Edition #405  :uè2:

 T:ANE: no, grazie! (ecco perché)  :impiccato:

TRS19: appena uscirà ufficialmente :mrgreen:


#5 Samuele

Samuele

    Member

  • Registrato
  • StellettaStelletta
  • 28 messaggi
  • LocationMilano

Inviato 20 novembre 2018 - 11:50

Ciao,

a me piace molto questo prototipo, la E402, prodotta solo in cinque esemplari: E402-001, E402-002, E402-003, E402-004, ed E402-005.

 

Da quello che ho capito furono il prototipo delle E402A, furono messe in servizio di prova tra il 1988 e il 1989.

 

 

Il 29 Ottobre 1982 le FS ordinarono alle Officine Meccaniche Reggiane e all'Ansaldo, il simulacro (E402 000) delle future locomotive con lo scopo di compiere le prime sperimentazioni.

Cominciarono a testarne l'influenza aerodinamica del muso sui pantografi (non so cosa comportasse ai pantografi), mentre l'interno era attrezzato a metà come laboratorio e l'altra metà conteneva il convertitore elettronico, una zavorra per simulare il peso delle locomotiva finale (84t) e un banco di manovra spartano.

Sul frontale della cabina di guida non utilizzata erano collocati gli accoppiatori elettrici per il collegamento alla E444 che durante le prove forniva energia al complesso.

 

Consegnato il 25 Marzo 1985, effettuò corse di prova sulla Roma-Firenze, Firenze-Pisa, Verona-Brennero.

 

Successivamente vennero ordinate le 5 locomotive di preserie (cioè il prototipo vero e proprio, a metà tra il simulacro e la locomotiva finale), consegnate tra Maggio e Dicembre 1988 al Deposito Locomotive di Firenze e messe subito in servizio sussidiate da una locomotiva chioccia (locomotiva di riserva durante le corse di prova).

In questi primi mesi di esercizio venne fatta la messa a punto della componente elettroinca per migliorarne l'affidabilità mentre la componente meccanica risultava eccellente.

 

Nei primi mesi di esercizio vennero fatte ulteriori messe a punto della parte elettronica per migliorarne l'affidabilità, mentre la parte meccanica risultò eccellente fin dall'origine.

 

Il modello definitivo (E 402 006 e successive, ordinate nel 1992) cambiava per i frontali, più aerodinamici, mentre meccanica ed elettronica rimasero comuni al prototipo.

 

 

Terminate le sperimentazioni, nel 1998, le locomotive prototipo vennere accantonate presso l'Officina Grandi Riparazioni di Foligno per aggiornarne le componenti elettriche e rimetterle in circolazione in Gennaio 1999.

Questo mentre dal 1994 cominciava a circolare il modello definitivo della E 402.

 

 

La prima ad essere demolita fu la E402 001 a Foligno nel 1999 (questa senza neanche passare per la revisione dell'elettroinca, non so perché) e l'ultima sarebbe stata la E402 005 demolita sempre a Foligno a Gennaio 2017. Al momento sarebbero ancora integre la E402 002, 003 e 004, ma in progetto di demolizione.

Adesso si sta cercando di sollecitare la Fondazione FS alla preservazione di almeno uno di questi prototipi da 200km/h, belli e fondamento della E402A.

 

fonti Wikipedia e Ferrovie.info

 

Allega File  FS E402 000.jpg   269,85KB   0 Numero di downloads

Allega File  FS E402 001.jpg   283,57KB   0 Numero di downloads

Allega File  FS E402 002.jpg   58,89KB   0 Numero di downloads

Allega File  FS E402 003.jpg   481,05KB   0 Numero di downloads

Allega File  FS E402 004.jpg   418,48KB   0 Numero di downloads

Allega File  FS E402 005.jpg   337,46KB   0 Numero di downloads


  • UP844, piero, Fulvio53 e un altro piace questo

#6 Mixer66

Mixer66

    Senior Member

  • Registrato
  • 101 messaggi

Inviato 21 novembre 2018 - 05:35

Ciao,

quest'oggi vi presento uno locomotore che ha fatto la storia delle ferrovie italiane e che le continua a fare oggi E656.001 chiamato "Caimano". So che non è un vero e proprio prototipo però è giusto citarla, infatti non scritto molto, solo la storia del locomotore; volendo la cosa si può espandare non solo come prototipi ma anche come 001.

 

Progettata tra il 1973-1975 e costruita tra il 1975-1989 entrò in servizio nel 1975 fino a oggi.

Fu costrita da Officine Casaralta, Officine Meccaniche Reggiane, SOFER, TIBB componentistica Ercole Marelli, Ansaldo, Asgen e Italtrafo.

Velocità massima omologata di 160 km/h poi limitata a 150 km/h

 

La E656 è una locomotiva elettrica articolata entrata in servizio del 1975 per treni viaggiatori o merci progettate, sia per la parte meccanica che per quella elettrica, dall'Ufficio Studi Locomotive del Servizio Materiale e Trazione delle FS.

Si tratta degli ultimi mezzi costruiti con il rodiggio a tre carrelli e semicasse articolate, tipico di diverse famiglie di mezzi italiane, come le locomotive E636, E645 ed E646, per risolvere il problema delle linee con molte curve e di raggio ridotto: il passo rigido del veicolo era drasticamente ridotto, rendendo i mezzi meno aggressivi verso la rotaia.

Le locomotive E.656 ed E.655 sono soprannominate "Caimano"; devono il loro nome al concorso lanciato dal mensile aziendale delle FS Voci della rotaia, dal quale deriva lo stesso logo, un caimano verde-giallo in corsa, apposto, secondo l'uso dell'epoca, sul lato della cabina.

Nei primi anni settanta le FS attraversavano un periodo di riorganizzazione del parco macchine. Mentre era in atto la conversione in corrente continua delle ultime linee trifase piemontesi e le locomotive di prima generazione per viaggiatori (come le E428) erano ormai abbondantemente obsolete, con 40 anni di servizio, mentre le più recenti E646 stavano diventando insufficienti a causa dell'incremento del numero di passeggeri. Infatti l'aumento del numero di treni pendolari aveva spinto i vertici della direzione tecnica a riassegnare una parte delle E646 ai treni navetta, sottraendole ai treni passeggeri di lunga tratta.

La E656.001 fu assegnata al deposito di Milano Smitamento e oggi è stata preservata e utilizzata per eventi ferroviari e treni storici.

 

Ecco alcune foto dell E656.001:

33931929694-b168ce6f7f-b.jpg
E656-001-camnago-mau-106.jpg
FS-E656-001-Milano-Centrale-101.jpg
FS-E656-001-Trento-101.jpg

 


  • A Samuele piace questo

Mixer66 - Giulio


#7 UP844

UP844

    Missing in Action

  • Administrators
  • 25719 messaggi
  • LocationSulla cattiva strada

Inviato 21 novembre 2018 - 06:19

Dissento... le E.646  :uè2: , all'epoca della loro costruzione, furono macchine assai più rivoluzionarie (12 motori, avviatore automatico, anticabraggio, potenza doppia delle macchine precedenti). Le E.656 non sono altro che una E.646 con alcuni miglioramenti dovuti al progresso dei materiali costruttivi, e furono costruite in così gran numero solo per la scarsa affidabilità delle E.633.

 

L'ultima a prestare servizio regolare (la 085 del deposito di Genova Brignole) a fine carriera:

 

Laigueglia_staz_ferr_E_646.jpg


  • A Samuele piace questo

And gentlemen in England now a-bed
Shall think themselves accursed they were not here
 
UP844 - KUID: 69593 - Author ID: Pendolino - Join Date: Aug 1, 2002
TS2010 build 49933:   morte_benedico

 TS12 build 61388 Collectors' Edition #405  :uè2:

 T:ANE: no, grazie! (ecco perché)  :impiccato:

TRS19: appena uscirà ufficialmente :mrgreen:


#8 Mixer66

Mixer66

    Senior Member

  • Registrato
  • 101 messaggi

Inviato 21 novembre 2018 - 06:20

Davvero belle macchine!!


Mixer66 - Giulio


#9 Samuele

Samuele

    Member

  • Registrato
  • StellettaStelletta
  • 28 messaggi
  • LocationMilano

Inviato 21 novembre 2018 - 10:46

Non mi spiego come mai non le continuino a costruire, sono anche più belle di molte locomotive moderne



#10 Fulvio53

Fulvio53

    TrainZItalia Friend

  • Gold Member
  • 1684 messaggi
  • LocationGavi-Alto Monferrato (AL)

Inviato 22 novembre 2018 - 06:53

Già e quello che penso anche io!!! Anche se come manutenzione sono po più complicate,rispetto alle 636,ma questo è comprensibile.A partire dai motori in quanto rispetto alle 636,adottano l'anello portaspazzole composto da 8 portaspazzole(carboncini) e per sostituire le spazzole usurate,bisogna staccare i cavi di alimentazione del motore(indotto)allargare il settore e farlo girare dall'esterno a mezzo di una chiave quadra che va inserita dall'esterno del motore.Tutto questo è reso molto più difficoltoso,perché

1) Ti trovi in una fondazione,magari vecchia e poco profonda

2)Perché il settore dall'esterno è formato da una corona a cremagliera,la quale essendo all'esterno si riempe di terra,ma soprattutto di sabbia che esce dalle sabbiere,la quale complica non poco l'operazione,e in più è da dire che è sabbia piena di olio che diventa cracciae quindi blocca il tutto e tutto questo va fatta a mano.Una volta fatto girare il settore bisogna riportarlo nella posizione iniziale,ristringerlo,perché per farlo girare,bisogna allagarlo e mi sono dimenticato di dirlo prima,e riattaccare i cavi e chiudere la portella di accesso.Stesso discorso per le 645,656,444.Le 633 non lo so,perché poi ho cambiato qualifica e sono andato via dal deposito di Brignole....Questo per quanto riguarda i motori di trazione poi c'è tutto il resto,trattasi dei 656,una parte monta il motoalternatore e una parte il GS(gruppo Statico)


  • A Samuele e Mixer66 piace questo

#11 UP844

UP844

    Missing in Action

  • Administrators
  • 25719 messaggi
  • LocationSulla cattiva strada

Inviato 22 novembre 2018 - 03:16

Ci sono diversi motivi per cui non si costruiscono più locomotive di questo tipo:

  • meccanicamente, il telaio articolato è costruttivamente più complesso di uno singolo (ed infatti con le 633 si passò al telaio singolo, pur mantenendo i tre carrelli)
  • elettricamente, i sistemi di regolazione elettronica permettono di viaggiare a qualsiasi velocità e, cosa ancor più importante, variando la forza di trazione con continuità e non a scatti come avveniva con la regolazione reostatica; ciò riduce il verificarsi di slittamenti e dà la possibilità di ottenere, con una locomotiva a 4 assi, prestazioni vicine (non uguali, la fisica non fa sconti a nessuno) a quelle di una locomotiva reostatica a 6 assi. Inoltre, il rendimento totale della macchina è leggermente superiore (cosa che non guasta quando si deve considerare il costo dell'energia elettrica :mrgreen:).
  • i motori trifase sono costruttivamente molto più semplici di quelli in corrente continua, e di conseguenza molto più affidabili
  • operativamente, le locomotive con questa configurazione soffrono di instabilità sopra i 150 km/h (le 656 furono autorizzate per alcuni anni a viaggiare a 160 sulla Direttissima Firenze-Roma, ma l'esperimento finì in un nulla di fatto); le 632 e 652 viaggiavano tranquillamente a 160.
  • Fino alle E.656, le locomotive venivano progettate dalle FS, ed i costruttori si limitavano a costruire quanto indicato nei progetti. L'aumento della complessità tecnologica ha portato ad una riduzione del numero dei costruttori (per le locomotive, sono essenzialmente ridotti a due: Siemens e Bombardier), e questi tendono - ovviamente - a costruire macchine standard, adattabili alle condizioni locali con il minimo numero di modifiche possibile: una TRAXX di Hector Rail (compagnia svedese) ed una di GTS Rail hanno un altissimo numero di componenti identiche.
  • Per contro, la vita utile delle locomotive elettroniche è limitata dalla disponibilità di ricambi per l'elettronica di potenza: mentre abbiamo in circolazione E.626, E.636 ed E.646 storiche, il restauro funzionale della E.454 sarebbe stato impossibile ed altre locomotive contemporanee (E632/633 FS, E620 FNM) sono già state demolite mentre qualche Caimano continua - e continuerà nel parco storico - a circolare.

Tutto ciò premesso, e reso omaggio al progresso tecnologico, questa foto è stata scattata (non da me, che avrei preso il palo :mrgreen:) un attimo prima che - in religioso silenzio - ci godessimo il suono della E.656.607 in livrea storica ;)

 
5605948426_514c74d581_b.jpg

  • D143.3046, piero, Fulvio53 e 3 altri piace questo

And gentlemen in England now a-bed
Shall think themselves accursed they were not here
 
UP844 - KUID: 69593 - Author ID: Pendolino - Join Date: Aug 1, 2002
TS2010 build 49933:   morte_benedico

 TS12 build 61388 Collectors' Edition #405  :uè2:

 T:ANE: no, grazie! (ecco perché)  :impiccato:

TRS19: appena uscirà ufficialmente :mrgreen:


#12 Samuele

Samuele

    Member

  • Registrato
  • StellettaStelletta
  • 28 messaggi
  • LocationMilano

Inviato 22 novembre 2018 - 11:27

Peccato, perché come estetica e come suono sono imbattibili secondo me.

Sarebbe stato ottimo mantenerle in servizio a suon di manutenzione e restauri anche se non se sarebbe stato possibile



#13 Fulvio53

Fulvio53

    TrainZItalia Friend

  • Gold Member
  • 1684 messaggi
  • LocationGavi-Alto Monferrato (AL)

Inviato 23 novembre 2018 - 08:55

Ma purtroppo,le ferrovie,come azienda se non c'è un utile è difficile che facciano cose per romanticismo.....in parole povere se non ne vale la pena,non se ne fa niente...


  • A Samuele piace questo

#14 Mixer66

Mixer66

    Senior Member

  • Registrato
  • 101 messaggi

Inviato 29 novembre 2018 - 07:57

Ciao,

 

questa volta tocca ad un locomotore molto molto particolare, ovvero la E666.

Creato un solo prototipo simulacro il progetto doveva essere, in conclusione, simile al gruppo E444

Di sotto ecco la sua storia:

 

La locomotiva elettrica del gruppo E666 è un progetto sviluppato dal Servizio Materiale e Trazione delle FS intorno alla fine degli anni sessanta nell'ambito dei piani di rinnovamento e modernizzazione del tempo. Il progetto arrivò solo allo stadio di realizzazione presso le OGR di Foligno del simulacro per le prove in linea, ma venne abbandonato dopo un certo tempo e non ebbe più seguito, anche per i mutati orientamenti direzionali e successivamente a causa dello sviluppo di nuove tecnologie di trazione con le locomotive E633.

 

Progettatta nel 1960 circa entrò in servizio dal 1960 al 1977, con una velocità massima omologata di 200 km/h

 

La locomotiva prevedeva un inedito, per le ferrovie italiane, rodiggio Co'Co'', e una potenza assorbita di 6.000 kW, allo scopo di poter trainare, alla velocità di 200 km/h, convogli di composizione superiore a quella ammissibile per le E444; avrebbe preso la denominazione di E.666: i suoi motori di trazione e l'apparecchiatura elettrica sarebbero stati unificati con quelli delle E.444.

Il simulacro della locomotiva costruito non era completo di tutte le apparecchiature presenti di solito su una locomotiva elettrica ma era dotato dei serbatoi dell'aria compressa e delle altre apparecchiature indispensabili; venne provato in linea per studiare il comportamento dinamico dei carelli sperimentali a tre assi, i cui motori venivano alimentati dall'equipaggiamento elettrico di una locomotiva E.444.

 

Venne accantonato agli inizi del 1977: effettuò il suo ultimo viaggio il 26 gennaio da Firenze a Foligno (come 289 bis da Firenze a Terontola e come 76526 da Terontola a Foligno); all'inizio dell'estate del 1981 si trovava ancora ricoverato in stazione a Foligno, venne poi trasferito all'interno delle vicine Officine Grandi Riparazioni e demolito nel corso del 1983 fornendo parti di ricambio alle E.444.

 

Il simulacro dell'E.666 e la locomotiva E.444.016 a esso accoppiata sono stati oggetto di riproduzione fermodellistica in scala H0 da parte della ditta ACME nel 2011, in occasione dei suoi primi dieci anni di attività.

 

666simulacrodisegno.jpg
acme10-d1.jpg
disegnoe666-forum-duegieditrice2.jpg
e666inmarcia2.jpg
smlcr666fi-copia.jpg
zoom-32918110-E-666-E-444-ACME.jpg
where the mind is without fear essay


  • A Fulvio53 piace questo

Mixer66 - Giulio


#15 ettore48

ettore48

    Karognenführer

  • Staff
  • 10178 messaggi
  • LocationCitizen of the Galaxy today living at Colfax, CA

Inviato 29 novembre 2018 - 08:58

Ma purtroppo,le ferrovie,come azienda se non c'è un utile è difficile che facciano cose per romanticismo.....in parole povere se non ne vale la pena,non se ne fa niente...

 

Sono mica la Union Pacific, che comunque non fa niente per niente nemmeno lei.

I suoi capoccia sono solo molto più lungimiranti dei capetti dei FS ed hanno scoperto come cavar soldi dai rotabili storici.

Ma qui da noi abbiamo inventato l'equazione treno=povero ( da leggere auto=Fiat ---> più povero ancora) che sta condizionando pesantemente anche il presente e durerà chissà fino a quando.


  • A Fulvio53 piace questo

:ciao:

Ettore Grua - Kuid: 74906 - Der TZIT Karognenführer
ettoretorino48@gmail.com

IN GOD WE TRUST !  L'unico motivo per cui continuiamo ad usare Trainz

 

 

Gli stracci fanno la carta. La carta fa i soldi. I soldi fanno le banche. Le banche fanno i prestiti. I prestiti fanno i poveri. I poveri fanno gli stracci .(P. Zanotelli)


#16 ettore48

ettore48

    Karognenführer

  • Staff
  • 10178 messaggi
  • LocationCitizen of the Galaxy today living at Colfax, CA

Inviato 29 novembre 2018 - 09:02

666.

Complice la livrea era anche più brutta delle trifase .

Ed ora Carlo mi spara  :marameo:  :marameo:  :marameo:


:ciao:

Ettore Grua - Kuid: 74906 - Der TZIT Karognenführer
ettoretorino48@gmail.com

IN GOD WE TRUST !  L'unico motivo per cui continuiamo ad usare Trainz

 

 

Gli stracci fanno la carta. La carta fa i soldi. I soldi fanno le banche. Le banche fanno i prestiti. I prestiti fanno i poveri. I poveri fanno gli stracci .(P. Zanotelli)


#17 UP844

UP844

    Missing in Action

  • Administrators
  • 25719 messaggi
  • LocationSulla cattiva strada

Inviato 29 novembre 2018 - 09:18

La versione completa non sarebbe stata male: un Tartarugone, in pratica.

 

Questo, poverino, era solo uno zatterone per le prove del carrello a tre assi (che le FS hanno sempre avuto in antipatia, infatti le locomotive con tali carrelli autorizzate a circolare in Italia si contano sulle dita di una mano sola:

  • il Cocò  :uè2: (che comunque fu importante per lo sviluppo delle 343/443)
  • le D361 della FER ed altre simili di imprese di lavori;
  • la V320  :uè2:
  • un paio di Class 55 che hanno fatto una brevissima comparsa presso ditte di lavori
  • alcune Nohab usate per lavori in Sicilia e - si dice, ma non ho mai trovato foto :( - una Nohab usata a La Spezia nel terminal Contship.

 

:ciao:


And gentlemen in England now a-bed
Shall think themselves accursed they were not here
 
UP844 - KUID: 69593 - Author ID: Pendolino - Join Date: Aug 1, 2002
TS2010 build 49933:   morte_benedico

 TS12 build 61388 Collectors' Edition #405  :uè2:

 T:ANE: no, grazie! (ecco perché)  :impiccato:

TRS19: appena uscirà ufficialmente :mrgreen:


#18 Mixer66

Mixer66

    Senior Member

  • Registrato
  • 101 messaggi

Inviato 29 novembre 2018 - 09:33

Non so se è stato fatto di proposito ma mi sono accorto che la livrea (di più il colore) somiglia ad un locomotore tedesco che ha addirittura lo stesso rodiggio, boh chissà...
Ps. Il locomotore è un DB BR103

Mixer66 - Giulio


#19 Fulvio53

Fulvio53

    TrainZItalia Friend

  • Gold Member
  • 1684 messaggi
  • LocationGavi-Alto Monferrato (AL)

Inviato 30 novembre 2018 - 08:22

Non sapevo tutte queste informazioni...sul co-co,sì perché ero in turno su quella Macchina ,ma  sulle 666 avevo solo notizie di poco conto..



#20 sidew

sidew

    Saboteur

  • Gold Member
  • 3125 messaggi

Inviato 30 novembre 2018 - 09:50

Inoltre la denominazione e666  era stata riciclata per un nuiovo gruppo di macchine, basate sulle 633 ma con motorizzazione Bo'Bo'Bo' derivati da quelli usati dalle e454 invece dei B'B'B' atte a 160. Poi vene cancellato con la introduzione dei tigroni (e 652)


  • A Fulvio53 piace questo

Aldo aka Sidewinder - kuid: 311961 userid: sidew -  trainz.png
4.png
____________________________________

"I used to be a trainzdiriver like you... then I took an arrow in the knee"
"Oops!" - Shannon Foraker, Ashes of Victory

__________________________________________





0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 visitatori, 0 utenti anonimi